Il sito sovramonteturismo ' (http://www.sovramonteturismo) utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
SITO IN COSTRUZIONE


Campon e Monte Avena

Difficoltà tecnica skill Medio
Tempo  3 ore 7 minuti
Coordinate 2529
Uploaded 8 luglio 2018

Effettuata con MountainBike. Il tracciato che si sviluppa sia su asfalto che su sterrato.
Dalla Casera dei Boschi, attraversata la strada asfaltata, si sale la via che si restringe per diventare una specie di vialone rettilineo attorniato dal bel bosco.
Superati i 200 metri di dislivello in un paio di chilometri, si sbuca sulla gobba erbosa del monte Avena.
proseguendo lungo la strada che adesso è diventata sterrata si può contemplare la fascia delle prealpi venete, il Coppolo sopra Lamon con sullo sfondo le cime del Lagorai dove s'individua l'elegante Campanile di Cece. Non da meno sono le Vette Feltrine, con le Buse, in particolare la busa di Monsampian. Sulla destra, rispetto al monte Pavion (che risulta essere la cima più bella delle vette feltrine ), s'individua chiaramente il rifugio Giorgio Dal Piaz.
Da malga Campon in breve raggiungere la sottostante Croce d'Avena, pulpito sulla scarpata verso Fonzaso.
Il monte Avena è una specie di 'pergola' panoramica delle Vette e contemporaneamente balcone che sia affaccia sulla conca feltrina.
Non a caso il monte Avena è molto apprezzato e famoso tra i praticanti del parapendio, dove nel 2017 sono stati organizzati i Mondiali.
Le due Malghe presenti sul Monte Avena , la Malga Campon e la Malga Campet , risultano essere due ottimi punti ristoro , anche solo per degustare una buona birra Pedavena contemplando le bellissime vette che circondano il piccolo altipiano.
Fontanelle: ci si può rifornire in più punti di acqua data la presenza di più fontanelle lungo il percorso

Stampa Email

Tappone dolomitico Feltre passo Croce d'Aune Sovramonte

Giro d'Italia sabato 1 giugno partenza da Feltre e arrivo al Passo Croce d'Aune Sovramonte
GIRO

Il giorno decisivo del Giro 2019, sabato 1 giugno, sarebbe quindi un tappone con partenza e arrivo a Feltre, in provincia di Belluno. Si tratterebbe di una frazione che ripercorrerebbe per gran parte il tracciato della Granfondo Sportful Dolomiti Race, anche se nella sua versione originale. Questa tappa del Giro dovrebbe quindi proporre la salita a Cima Campo (18 chilometri con pendenza media attorno al 6 per cento), l’ingresso in Trentino e l’approdo in Valsugana prima dell’ascesa a una delle salite divenute celebri negli ultimi anni, proprio grazie alla Sportful Dolomiti Race, il Passo Manghen (23 chilometri con pendenza media del 7 per cento e punte al 15, scollinamento a quota 2.047). Di qui, discesa verso Molina, in Val di Fiemme e risalita della valle fino a Predazzo dove comincia il Passo Rolle, salita di una ventina di chilometri con una pendenza media del 5 per cento. Dopo il Rolle, la discesa in Primiero fino a Ponte Oltra dove inizia la salita conclusiva, quella che porta al Croce d’Aune Sovramonte: 11 chilometri con pendenza media di poco superiore al 5 per cento e punte del 16 e arrivo arriverà davanti al monumento a Tullio Campagnolo (oppure a Le Laste, poco più in alto, per questioni logistiche). L’idea generale delle amministrazioni locali è quella di un progetto quadriennale dal 2019 al 2022, con il coinvolgimento di Feltrino, Valbelluna, Agordino e Cadore.

Escursionismo

E-MountainBike

logo parco bl

logo com sovramonte

logo pro sovramonte

dolomiti prealpi m

bacino 11 logo